Lo staff di GOOD MUSIC incontra gli OLTRE PROJECT

“Oltre..” il titolo di una composizione, il titolo di un progetto artistico, un percorso di vita. Musica non catalogabile e che va oltre i confini di genere. Seguendo il pensiero di Giorgio Gaslini (Musica Totale) come scrive Paolo Damiani: “non si tratta di cancellare i generi musicali ma semmai di conoscerli e praticarli per scoprirne le potenzialità creative, verso musiche di sintesi frutto di sguardi obliqui, trasversali, ellittici, aperti… anche nell’incontro con le altre arti.

“Coloured Shadows”

Note di copertina Danilo Rea
La Musica è la colonna sonora delle nostre emozioni, per alcuni è un amore più duraturo di un vero amore e senza di essa, questo mondo perderebbe molte sfumature di quel colore così importante da dare il titolo al cd. Improvvisamente, tutto non sarebbe più come prima. Per fortuna o per amore, generazioni di giovani talentuosi musicisti, contro ogni difficoltà, hanno coltivato la loro passione con tenacia . È una disciplina difficile che spesso non da risultati, ma quando vi riesce, il profumo di quei frutti ed il loro colore riempie di gioia il cuore di chi ascolta fondendo se stesso con la Musica, unendo le proprie a nuove emozioni. Danilo Rea
La vita è l’arte dell’incontro e delle emozioni: un sorriso, un tenero abbraccio, un dolore, un tramonto, un quadro, un libro, una frase, una sinfonia, un’improvvisazione.
I colori di un dipinto, i colori della musica, i colori delle parole, i colori della passione, colori della stessa grande tela della vita… Ogni musicista è figlio di un percorso unico e racchiude un suo mondo che, soprattutto in “luoghi” dove la scrittura non è assoluta, si va a fondere con quello dell’altro.
Le varie combinazioni ritmiche, melodiche, armoniche, di orchestrazione, danno vita a colori ed ombre sempre diverse e la stessa composizione, ad ogni concerto, crea infinite “ombre colorate”!
Lorenzo Apicella
Goccia d’acqua” ispirato al famoso preludio di Chopin e che si avvale del testo di Maria Pia De Vito, costituisce una sintesi emblematica dei canoni estetici della band: integrazione di musica scritta, estemporizzazione ed improvvisazione (“approccio audiotattile”, come sapientemente teorizzato dal M° Vincenzo Caporaletti a cui il brano è dedicato). In questa composizione si alternano tre temi che nel finale convivono in un contrappunto a tre voci per lasciare poi spazio ad una improvvisazione libera.
“Oltre” ispirato al capolavoro di Pasolini “Cosa sono le nuvole” ed al mondo melodico ed armonico di Kenny Wheeler;
Una Suite di quattro brani tratti dallo spettacolo “Em branco e preto“: “Rio de Janeiro” ispirato al pensiero, alle opere, ai “segni” di Oscar Niemeyer “Sounds of Childhood” che esplora i suoni dell’infanzia come culla della creatività; “Obsession” con testo di Francesca Fusco che con le sue insistenti poliritmie, scava nella complessità della mente umana; “Rainbow” i colori dell’arcobaleno in contrasto con il tratto in bianco e nero del grande architetto brasiliano.
Forbidden Colours” capolavoro di Riuiky Sakamoto.
Mare Nostrum” ispirato ai suoni ed alla storia del Mediterraneo, nasce dalla geniale composizione del M° Paolo Damiani “Rumori Mediterranei”. Questo brano vede la convivenza feconda di elementi contrastanti rappresentando ciò che la Musica dovrebbe essere: “.. nun so’ io ne tu, ma simme nuje..”.
 

OLTRE PROJECT BREVE CURRICULUM BAND

La Band è composta da musicisti classici che hanno integrato il proprio percorso accademico ed artistico con lo studio del linguaggio del jazz, cercando di realizzarne una sintesi ed aprendosi a tutti i “generi” musicali. Integrazione di musica scritta, estemporizzazione ed improvvisazione, (“approccio audiotattile”, come sapientemente teorizzato dal M. Caporaletti). Al suo attivo numerosi concerti in Festival e rassegne(Teatro Tor bella Monaca-Auditorium del Massimo-Museo Maxxi). Tra i più importanti da ricordare: “Un itinerario sincopato, omaggio a Giorgio Gaslini” (Università Roma Tre) dove esegue in prima assoluta due brani composti dal grande compositore. “Per Kenny”, dove apre il concerto per Kenny Wheeler, a Casa del Jazz, Roma e a Siena Jazz, condividendo il palco con i più grandi musicisti del panorama nazionale. Ad aprile 2015 si è esibito a “Percorsi Jazz” e il 25 Giugno ha suonato al Festival italo-francese “Una striscia di terra feconda”. A Settembre ha partecipato ad Expo 2015 per la stagione concertistica del Vivaio Giovani Talenti, con 2 concerti presso il Padiglione Italia.
Lorenzo Apicella: pianoforte/arrangiamenti
Francesca Fusco: voce
Luigi Tresca: sax soprano
Stefano Battaglia: contrabbasso
Francesco Merenda: batteria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *