Dopo dodici anni di attività la band bergamasca Le Madri Degli Orfani ha deciso di fermarsi e i membri di dedicarsi ad altri progetti

Come ultimo atto usciranno l’1 aprile con un nuovo mini album dal titolo “Van Gogh ed altri Ritratti”, contenente quattro inediti incisi da Dario Campana a Lo Stanzino di Ghisalba (BG), un remix ad opera di Gregorio Manenti, chitarrista dei Pau Amma, e un live in studio registrato da Frederick Paysden e Simone Prandin allo Zero Crossing Studio di Mozzo (BG), il tutto masterizzato da PierPaolo Alessi al Gotama Studio di Adrara San Martino (BG).

L’album verrà distribuito solo in digitale dal loro store ufficiale Bandcamp che sulle varie piattaforme.
Inoltre, il 10 aprile, la band pubblicherà la sua prima video-storia che ripercorre, attraverso estratti di live e immagini backstage, tutta la carriera della band capitanata da Logan Laugelli e Andrea Manenti.
Le Madri Degli Orfani nascono come duo acustico nel 2009 da un’idea di Logan Laugelli e Andrea Manenti, entrambi voce e chitarra, successivamente si aggiungono Dario Bertoletti alla batteria e Saul Pagnoni al basso. Nello stesso anno pubblicano il primo album autoprodotto “Largo Alla Retroguardia”, dieci pezzi in bilico tra il punk e il cantautorato, iniziano un’intensa attività live nei locali della provincia di Bergamo e nei festival lombardi, con due aperture ai Los Fastidios. Nel 2010 pubblicano “Tra il Male e il Peggio”, album autoprodotto di quindici brani.

I live non si fermano, portandoli anche sul palco dell’Amigdala Theatre di Trezzo sull’Adda (MI) di spalla ai Plastic Made Sofa. Nel 2012 esce “Nani e Ballerine”, EP di sei pezzi dal sound più duro
rispetto ai precedenti lavori e nello stesso anno si aggiunge alla band Giancarlo Caminada come trombettista. A dicembre 2013 partecipano alla rassegna “Indie Druso” dell’omonimo locale bergamasco, aprendo il concerto dei Giuradei. Pochi mesi più tardi firmano con l’etichetta indipendente FIL1933 con cui registrano il terzo album dal titolo “La Grande Abbuffata”: qui il sound si
appesantisce ulteriormente grazie alla produzione artistica di Matteo De Napoli.

Saul lascia la band poco prima delle sessioni di registrazione, accettando comunque di parteciparvi. Al suo posto viene ingaggiato Paolo Finazzi e, con lui e per la stessa etichetta, pubblicano la riedizione del singolo “Budapest”, già presente nel secondo album. Nel 2015 partecipano, come gruppo spalla, all’ultimo concerto dei Io?Drama di Fabrizio Pollio, con cui instaurano una piacevole amicizia. A gennaio 2016 partecipano nuovamente a “Indie Druso” dividendo il palco con la superband The Winstons.

Nel 2017 registrano il quarto album “Amorrandagio”, l’ultimo con FIL1933 e che li porta a suonare in Francia per tre date, tra cui una a Parigi. A luglio dello stesso anno partono per Londra, destinazione Abbey Road Studios, dove incidono la riedizione di “Largo Alla Retroguardia” invitati dallo stesso Abbey Road Institute.

Nei primi mesi del 2018 abbandona anche Dario, lasciando la band in tre per quello che verrà intitolato “Punk Unplugged Tour”, che li ha visti anche di spalla ad Angela Baraldi e Benjamin Yellowitz. A gennaio 2019 entra a far parte della sezione ritmica Veronica Massaro, con cui festeggeranno i dieci anni di carriera con un concerto che ha visto alternarsi vecchia e nuova formazione, ospiti e tanta festa! In quell’occasione vengono presentati due nuovi brani, “Anni Dieci” e “Un Nuovo Mondo”, che verranno registrati poche settimane dopo e pubblicate a maggio dello stesso anno.

Il 2020 era partito bene, con due date a gennaio, la prima a Genova, e altre già fissate per i mesi successivi, purtroppo l’emergenza sanitaria ancora in corso non è stata clemente neanche con Le Madri Degli Orfani ovviamente, che li ha visti calcare il palco per l’ultima volta in occasione del Garage Music Festival organizzato da Gasterecords a settembre, in veste acustica due chitarre e due voci, proprio come avevano iniziato nel 2009.

Per congedarsi, hanno deciso di pubblicare quattro brani inediti, registrati nel corso del 2019, con l’aggiunta di un remix fatto da Gregorio Manenti dei Pau Amma e un live in studio.
Questo disco verrà pubblicato l’1 aprile con il titolo “Van Gogh ed altri Ritratti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *